Il tartaro fa male a denti e gengive?

Il tartaro fa male a denti e gengive Blog Dott.ssa Sonia La Volpe Roma Medaglie d'OroIl tartaro fa male a denti e gengive? Leggi in che modo il tartaro fa male ai tessuti della tua bocca e perchè devi rimuoverlo periodicamente con la Bio Igiene Orale nel Nostro Studio Dentistico Roma Prati 3280767785

Ovviamente lavarsi i denti con spazzolino e dentifricio, filo e collutorio è una pratica quotidiana indispensabile per la tua salute e quella dei tuoi denti

In ogni caso la tua igiene orale domiciliare è fondamentale per evitare la formazione della placca batterica

Tuttavia non riesci ad eliminare il tartaro depositato sulla superficie dei tuoi denti dovuto alla calcificazione dei sali della saliva

di conseguenza milioni di batteri popolano il tuo cavo orale

Tartaro e protesi

Analogamente se possiedi impianti dentali, protesi mobili, protesi fisse (ponti e corone), apparecchi ortodontici devi temere il costante accumulo di tartaro

Praticamente l’accumulo di placca e tartaro è favorito in questi casi dalla presenza di punti difficili da pulire

Quindi se porti protesi o se hai tutti i denti sani devi recarti periodicamente nello Studio Dentistico Roma Medaglie d’Oro Dott.ssa Sonia La Volpe per l’igiene orale professionale

Naturalmente il tartaro essendo ruvido capta la placca batterica e ne favorisce lo sviluppo

In particolare se nella placca ci sono batteri cariogeni si sviluppa la carie se ci sono batteri gengivali  si sviluppano Gengivite o  Parodontite 

La Soluzione per te

Nello Studio Dentistico Roma Medaglie d’Oro Dott.ssa Sonia La Volpe effettui trattamenti di Bio Igiene Orale e di Bio Sbiancamento professionale

vale a dire che elimi il tartaro da denti e gengive in modo naturale e specifico a seconda dei casi

Chiama subito per il tuo appuntamento di Bio Igiene Orale con la dentista Roma Medaglie d’Oro Dott.ssa Sonia La VolpeSiamo in Via Mario Savini 15 Roma

Ti può interessare il sito www.dentisanidiqualita.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.