Le Otturazioni in Amalgama sono tossiche: sostituiscile subito!

Come si cura una carie? Il tessuto dentale cariato, con cosa si sostituisce? Leggi cosa si deve usare oggi per avere un risultato ottimale, estetico e di lunga durata!

Fino quarant’anni fa le carie venivano curate con un materiale di colore grigio chiamato Amalgama dentale. Essendo una lega metallica durava molto, a meno che il tessuto dentale circostante non veniva attaccato dalla carie. Tuttavia queste otturazioni incorporavano una sostanza dichiaratamente tossica: Il Mercurio.

Il dente curato con l’Amalgama aveva il nome di Tooth Smooker, Dente che fuma, perché, durante importanti esperimenti attuati dall’Università del Massachusetts, si vide che emetteva delle esalazioni tossiche di Mercurio al contatto con i liquidi e durante la masticazione.

Queste esalazioni tossiche viste ai raggi ultravioletti avevano l’aspetto di fumo, da qui il nome Dente che fuma.

Se hai ancora anche solo una piccola otturazione in amalgama, leggi cosa sta accadendo ogni giorno al tuo organismo:

Lentamente, mediante l’esalazione continua di questi vapori dalle otturazioni e dall’assunzione giornaliera di cibo contenete mercurio, si sviluppa un’intossicazione cronica.

L’Amalgama dentale contiene il 50% di Argento e  il 50% di Mercurio, quest’ultimo evapora dalle otturazioni in forma metallica non ionizzata e viene assorbito in breve tempo, per l’80%, attraverso il circolo sanguigno a livello polmonare.

In questo stato di vapore la sua diffusibilità è altissima, così come la sua lipofilia dalla quale derivavano numerosi e differenti danni a livello neuronale e disturbi psichici come:

  • cefalea
  • irritabilità
  • ansia
  • depressione
  • tremori tipo Parkinson
  • difficoltà nelle relazioni sociali
  • deficit di concentrazione
  • deficit di memoria
  • stanchezza cronica
  • disturbo ossessivo compulsivo
  • apatia – euforia – disforia
  • difficoltà nel linguaggio
  • difficoltà nella scelta dei vocaboli

E numerosi disturbi fisici:

  • gengiviti
  • stomatiti del palato
  • eritema cutaneo
  • dolori agli arti e articolazioni
  • rischio di aborto
  • problemi neurologici al feto (il mercurio passa la placenta)
  • problemi neurologici al neonato.

Inoltre le otturazioni in amalgama erano la concausa di gravi malattie cronico – degenerative del sistema nervoso centrale:

  • Autismo
  • Sensibilità Chimica Multipla
  • Sclerosi Multipla
  • Alzheimer
  • Parkinson

Pensate che l’uso del Mercurio, sostanza neurotossica, in Italia è stato bandito da farmaci e medicamenti, da termometri e sfigmomanometri, ma resta consentito in Odontoiatria, per l’utilizzo clinico nel cavo orale, a pochi centimetri dal cervello, l’organo il più sensibile al mercurio!

Importantissima informazione è che l‘intossicazione da mercurio non è dose-dipendente, può derivare anche da un solo dente otturato e il danno c’è sempre! Ovviamente più otturazioni ci sono, maggiore sarà la qualtità di mercurio ingerito, maggiore sarà il danno.

Riassumiamo che:

  1. Il Mercurio è definita sostanza pericolosa per la sua neurotossicità
  2. i vapori vengono esalati durante la masticazione, il contatto con cibi caldi e acidi, lo spazzolamento
  3. con il tempo, si sviluppa una vera e propria intossicazione cronica da mercurio
  4. che vengono coinvolti gli organi importanti (cervello e sistema nervoso centrale)

Pertanto è  indicata la rimozione immediata dell’Amalgama anche nel caso in cui si conservi ancora solo un’ otturazione in questo materiale e la sostituzione con il Composito, una resina inerte, estetica e biocompatibile.

La dottoressa Sonia La Volpe, nel suo Studio Dentistico di Romanon utilizza più ormai da anni  l’Amalgama di mercurio per curare i denti affetti da carie. Leggi quali sono le caratteristiche che deve avere un composito per garantire estetica biocompatibilità e durata nel tempo, visita la pagina Otturazioni in composito.

Visita il sito www.dentisanidiqualita.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.